Dr.Pentothal
il 22 giugno 2015

E mò t’ho spieg, vien ccà, sienteme buon.

E mò t’ho spieg, vien ccà, sienteme buon. A femmena ch vogl’io adda essere nu poco pazz, nun adda essere normal, uguale a tante. M’ha voglio truvà a'ntrasatto sott a casa mia, senza che jio saccio niente e, a primma cosa che l’he voglio leggere dint all’uocchie, è ch tene voglia e sta cu mmè. Voglio sapè che pimma e tutt cose n’ce stongh’io; voglio che m’he dice quando nun po’ stà cchiù senza e me. Insomm jie voglio e fatt a’ sta femmena bella, e no sul parole, ch o’ vient se porta, senza manc te ne fa accorgere. Voglio rider n’faccia a tutt quant che m’he vonno dicere che nun è accussì, pecchè ji saccio co’ core suoji è pe mmè sol e pò, n’ce penz’io a falla sentì, o vero, na reggina. Ije co o’ core n’ce sacc fà, so’ bravo, so’ nu prufessionist. Insomm sta femmena a voglio pazz , ma pazz…. o’ vere e me!

Non chiedetemi la traduzione, sforzatevi di comprendere coì com’è. Se le traducessi perderemmo tutta la magia.
La canzone per celebrarle? Ma la più bella mai scritta, fino ad ora.Altro