Dr.Pentothal
il 11 ottobre 2016

Spesso mi guardo allo specchio e ripeto a me stesso

Spesso mi guardo allo specchio e ripeto a me stesso, come un ritornello di una nota canzone: Non dimenticare mai che prima o poi arriveranno le rughe a ricoprire il tuo volto; sui capelli calerà un bel po’ d’argento; i giorni diventeranno mesi e i mesi anni... Ma questa è la vita. C’est la vie! Lascia pure che tutto cambi fuori ma…non cambiare mai dentro! Quello che hai dentro non invecchia mai, non ha età! La tua anima è lo specchio di tutto ciò tu fai o respiri. Dietro ogni traguardo raggiunto c'è un nuovo inizio; dietro ogni sconfitta un'altra delusione; dietro ogni vittoria una nuova forza. Fino a quando sei vivo, sentiti vivo. Se ti manca ciò che facevi, guarda altrove e prova a rifarlo ancora. Non vivere di immagini ingiallite dal tempo e bagnate da lacrime che si confondono a quella pioggia che hai nel cuore. Non voltarti mai indietro e insisti anche se tutti si aspettano che tu ti arrenda e sono pronti a scommettere che tu rimanga sconfitto da te stesso. Non lasciare che muoia quella forza che è in te. Chiedi con umiltà rispetto e rifiuta la pietà che tutti son pronti a regalarti: questa, ricorda… non invocarla mai. Fai in modo di valutare sempre in egual misura tanto il tuo coraggio quanto la tua paura. Da questo perfetto equilibrio sarai chiamato “uomo”. E quando, un giorno non potrai più correre, cammina a passo svelto; quando non potrai camminare veloce, cammina piano; quando non potrai camminare neanche lentamente, usa il bastone e quando, alla fine non ce la farai ad usare neanche quello, siediti e aspetta sereno la “Vecchia Signora”; vedrai stavolta non tarderà a “farsi viva”. E quando sarà al tuo cospetto ti dirà semplicemente “dai amico mio, è ora, dobbiamo andare” E mentre ti incamminerai con lei, arrancando alle sue spalle, lei si girerà a guardarti e ti chiederà: “ma tutto questo che vedo alle tue spalle è opera tua? Dai conferma e firma qui che dobbiamo andare.” Se non avrai mai strisciato, tradito e sceso a patti con la tua coscienza, sii felice ed orgoglioso che sotto a quel documento di dismissione da questa danza che è stata la tua vita, oltre a firmare ciò che hai fatto e costruito avrai l’orgoglio di aggiungere prima del tuo nome:…IN FEDE!
Marco M. L.Altro