S.erenamenteSerena
il 22 giugno scorso

La prima volta che lessi Dostoevskij fu traumatica

La prima volta che lessi Dostoevskij fu traumatica, e non in senso ironicamente positivo. Una docente mi costrinse a leggere «Povera Gente». Il ricordo di questo volume per me resterà per sempre legato a quella signora troppo truccata e assai presuntuosa. E così lo odiai. Odiai Dostoevskij e Povera gente.In ben altro modo i suoi contemporanei lo odiarono. Di un odio costruttivo. Li aveva feriti.Fëdor Mikhajlovi? Dostoevskij (si legge “Fiòdor Mihàilovich Dastaiéski”. Mi fa sempre strano sentire “Fedor” con la “e” e “Dostoevskij” con le “o”) non aveva mai scritto nulla di suo. Un giorno chiama un suo amico, tal Grigorovic, e gli legge Povera gente. Ah, penso io, essere amici di Dostoevskij, nella Russia del XIX secolo, ed essere invitati a sentirgli leggere un suo romanzo. Che dire. C’è chi vuole vincere la lotteria, io vorrei questo.L'amico prende il manoscritto e corre da un altro amico, Nekrasov, un poeta coetaneo di Fëdor, già molto famoso.Altro